Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Venerdì, 02 Novembre 2018 08:26

lsu/lpu da vertenza infinita ad opportunità per i comuni per assicurare i servizi ai cittadini

Rate this item
(0 votes)

La vertenza infinita che vede circa 4.700 lavoratrici e #lavoratori precari, ex LSU/LPU, da oltre un ventennio nei diversi Comuni calabresi ed in alcuni altri Enti pubblici, deve chiudersi entro questo anno con il passaggio a tempo indeterminato e in ruolo sovrannumerario negli enti di tutta questa importante e qualificata forza lavoro, che ormai è nei gangli vitali di Comuni ed Enti da circa 23 anni e senza la quale, soprattutto i #Comuni, dovrebbero consegnare le chiavi ai Signori Prefetti poiché non sarebbero più in grado di assicurare i servizi essenziali ai cittadini.

Ad affermare ciò la CONF.I.A.L. nazionale, regionale e provinciale che ha riunito gli “stati generali” del precariato calabrese alla presenza dei segretari nazionali e provinciali, Benedetto Di Iacovo, Pino Toretti, i quali avevano già rappresentato nell’ultimo incontro tenutosi presso la regione Calabria con tutte le sigle sindacali, autonome e confederali, al presidente della giunta regionale e all’assessore regionale al lavoro le proprie proposte e le perplessità rispetto al definitivo processo di stabilizzazione che ancora non vede un percorso lineare e veloce. CONF.I.A.L., ha preso atto della disponibilità della regione Calabria che ha riconfermato e storicizzato le risorse economiche pari a 38 milioni di € per la sua parte di competenza ed anche della parziale ma non bastevole parte di risorse messe a disposizione del Governo centrale, pari a solo 29 milioni di €, rispetto ai precedenti 50 milioni, messi a disposizione dal 2015 al 2018 per ben quattro annualità. 

La Confial, organizzazione maggiormente rappresentativa nel mondo del precariato e non solo, fa appello a tutte le forze politiche e alla deputazione calabrese perché si adoperino per sostenere quando richiesto dalla regione Calabria a seguito dell’incontro con i Sindacati e precisamente: la storicizzazione dei 50 milioni da parte del Governo nazionale e dei 38 da parte della regione; la deroga ai vincoli assunzionali in generale e del ripristino del turn-over; la deroga e superamento della percentuale massima oggi consentita, pari al 25% del rapporto tra lavoratori part-time e full-time; riconoscimento del ruolo sovrannumerario nelle dotazioni organiche del Comune con assunzione a tempo indeterminato. In tutto questo si richiede un ruolo attivo dell’#ANCI Calabria e Nazionale.

La CONF.I.A.L., tramite il segretario nazionale Benedetto Di Iacovo, ha sentito e sollecitato il presidente ANCI Calabria, il quale ha prontamente convocato l’assemblea dei Sindaci, per sostenere questo importante processo che serve soprattutto a risanare e rimpinguare le dotazioni organiche degli Enti. CONF.I.A.L., infine, anche se non la considera la forma di lotta più appropriata, parteciperà con i propri aderenti ai sit-in presso le prefetture indetti dalla triplice. Serve una forma di lotta più incisiva indirizzata verso le forze parlamentari ed il governo centrale, che sono i veri soggetti che potranno dare sbocco e mettere la parola fine a questa annosa vicenda. Serve una legge ad hoc.

CONF.I.A.L. parteciperà lunedì alla assemblea dell’ANCI e se ci sarà la possibilità di intervenire, ribadirà le proposte enunciate.

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Archivio Articoli