Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mercoledì, 31 Ottobre 2018 08:51

L'interesse di uno anteposto a quello di tanti

Rate this item
(0 votes)
Pino Assalone Pino Assalone

Alle OO.SS autonome (GILDA - SNALS - USB) le quali in un comunicato stigmatizzano quanto è accaduto nella riunione di contrattazione svoltasi è il 29 ottobre presso l’UNICAL, accusandoci di anteporre l’interesse di uno nell’interesse dei tanti e di aver abbandonato il tavolo di contrattazione, rispondiamo dicendo che la FLC CGIL antepone davanti a tutto il rispetto per le persone ed il ruolo che esse ricoprono. Ribadiamo, inoltre, con estrema fermezza, che non è nostra intenzione affondare oggi la contrattazione; tali pratiche non ci appartengono, come qualcuno in queste ore invece, maldestramente, vuole far credere. Anzi, abbiamo tutto l’interesse affinché la stessa si chiuda nel più breve tempo possibile per consegnare ai lavoratori un contratto che sia il più rispondente alle esigenze della comunità lavorativa dell’UNICAL.

Né ci associamo al coro di coloro i quali, strumentalmente, oggi vogliono accusarci di aver abbandonato il tavolo della contrattazione per difendere l’interesse di uno. L’interesse di uno, per la Flc, rappresenta l’interesse di tutto il mondo del lavoro, per cui l’azione di mettere il bavaglio e zittire una singola persona rappresenta una palese azione coercitiva per tutti i lavoratori che operano all’interno della università. Pensiamo, peraltro, che, proprio per l'importanza che la contrattazione riveste, nell'interesse dei lavoratori non debba essere subita passivamente, nonostante l’atteggiamento autoritario ma, al contrario, cosa che ci auguriamo avvenga al più presto, diventi occasione di confronto e non di scontro nel rispetto delle posizioni che ognuno riveste.

Ciò che chiediamo sono: responsabilità, legalità, imparzialità e buon andamento che rappresentano, niente di più che, i principi costituzionali della Pubblica Amministrazione. Principi che, da diverso tempo ormai, non sembrano più appartenere alla governance dell''università della Calabria. Ieri è stata scritta una pagina brutta da parte dei vertici di questo Ateneo Come Flc non ci siamo mai piegati e né ci piegheremo alle logiche della sopravvivenza, anzi ci faremo garanti della crescita di questa università e la difenderemo in ogni suo aspetto malgrado quanti, in questi anni, abbiano cercato di affossarla perseguendo obiettivi opposti ai nostri e introducendo nel tempo elementi di contrasto in seno alla comunità, deprimendo, come è stato già dimostrato, la partecipazione alla vita democratica.

Umberto Calabrone Segretario Generale Camera del Lavoro di Cosenza
Mimmo Denaro Segretario Generale Flc-Cgil Calabria
Pino Assalone Segretario Flc-Cgil Cosenza La Rsu Flc-Cgil Unical
Desiderio Artese , Ernesto Oliverio, Francesca Sirena

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco