Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Lunedì, 29 Ottobre 2018 08:41

Allarme Droga, pubblichiamo una lettera del Presidente della Comunità di San Patrignano, Piero Prenna, pubblicata su "QN, Quotidiano Nazionale"

Rate this item
(0 votes)

"Piegati dallo sballo"

Non vorremmo mai leggere la notizia della scomparsa di una ragazza di 16 anni. Purtroppo però la cronaca ci mette di fronte a tragiche realtà come quella di Desirée. realtà determinate certamente da luoghi del degrado, veri e propri ghetti dove spesso trovano spazio quei problemi che lo Stato non riesce ad affrontare. Di questi luoghi sono pieni le città di tutta Italia ed è giusto accendervi i riflettori.

Il rischio è che si dimentichi l'altra parte della realtà, quella di una ragazzina che viveva una fortissima situazione di disagio, senza dubbio acuita da quel periodo difficile della crescita che si chiama adolescenza. Crediamo che Desirèe non fosse così diversa dalle decine di ragazzine che arrivano nel nostro centro minori ogni anno. Ragazzine che si credono donne, ma che hanno la fragilità di una bambina. Ragazzine in lotta con il mondo, che hanno paura delle loro stesse emozioni che spesso soffocano dietro uno sballo folle e sconsiderato.

Uno sballo considerato sempre più la normalità e per questo non gli fa paura. E così la droga continua ad arrivare sempre prima nelle vite dei nostri figli. Fra i minorenni presenti in Comunità ci sono 15 ragazze, (due di 14 anni). Il primo contatto con gli stupefacenti per loro è avvenuto fra gli 11 e i 14 anni, con le canne, ma poi l'escalation verso altre sostanze è velocissima. Alla loro rabbia, in Comunità, contrapponiamo l'amore, quello di una famiglia allargata che ha certamente bisogno di regole, ma che allo stesso tempo, non ti giudica, ti ascolta e ti aiuta a scoprire i tuoi talenti e le tue passioni.

Di questo hanno bisogno i ragazzi, di essere ascoltati e tenuti in considerazione. Non dimentichiamoci, quindi, di Desirèe e dei suoi sogni. Perché tante altre ragazze come lei possano tornare a sognare.


Pietro Penna, Presidente Comunità di Recupero San Patrignano
Fonte: QN, Quotidiano Nazionale
edizione del 24 ottobre 2018, pag. 5

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Archivio Articoli