Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Venerdì, 26 Ottobre 2018 10:10

A Catanzaro parte la Rassegna Musicale “THE Jazz”. 6 appuntamenti di musica jazz promossi dal locale Il Don Giovanni di Catanzaro

Rate this item
(0 votes)
Rino Napoli Rino Napoli

La Rassegna musicale denominata “The Jazz” promossa dal locale il Don Giovanni di Catanzaro rappresenta quella giusta opportunità per attuare un sostanziale mutamento qualitativo nel progettare e gestire, nei contenuti e nelle forme, le rappresentazioni musicali e per dare alla città di Catanzaro un migliore coefficiente di maturità artistica e culturale; una nuova e grande occasione insomma, una nuova possibilità per recuperare quello spazio culturale ed artistico che in passato non ha avuto le adeguate considerazioni e la necessaria continuità. Sono 6 gli appuntamenti atti a promuovere la diffusione del Jazz, quella realizzata dai gestori del locale Don Giovanni, che propone le creative sonorità di questa musica, nelle sue varie forme, e con una rinnovata volontà di scandagliare meglio le grandi realtà musicali che il Jazz è capace di offrire.

Infatti, i vari appuntamenti che la rassegna di quest’anno ha propone, vanno tutti verso un unico scopo: accrescere la capacità di pensare e di immaginare la musica e quindi ampliare la portata culturale ed educativa di chi ne fruisce. Gli artisti che vi prenderanno parte, con la loro storia e le loro performance sonore, ci invitato a cercare in questa musica, al di là della pura esperienza dell’ascolto che ne costituisce il tessuto prioritario, quell’intimo insegnamento che forse non ci aiuta a vivere, ma che ci può aiutare a cogliere sempre meglio il nucleo, la sostanza della nostra condizione di uomini.

La kermesse ha inizio Giovedì 1 novembre p.v. con il concerto di Alberto La Neve al Tenor sax & Loop e Fabiana Dota Voice & Multieffects. Un concerto ispirato a Otto Lidenbrock, protagonista del Viaggio al centro della terra di Jules Verne, diviso in quattro parti, Dèpart, Islande, Sneffels e Retour, interamente composto dal Sassofonista cosentino. Elettronica, loop machine e effetti sono il fulcro del linguaggio che attraverso essi la poetica e l’estetica dell’autore si manifestano in sonorità tenui, addolcite dalla splendida vocalità di Fabiana Dota. Ampio spazio è lasciato all’improvvisazione, che cerca di non abbandonare mai un lirismo che caratterizza tutta l’opera. Ottima l’idea della sovrapposizione sonora del sassofono grazie alla loop, mantiene una sonorità che si abbina perfettamente alla voce. Un certo onirismo accompagna lo svolgersi musicale delle composizioni, ponendosi come cifra costante e ricorrente in tutta la perfomance.

Giovedì 15 novembre sarà la volta del Paolo Viscardi Gypst Jazz Trio con un omaggio a Django Reinhardt”. Paolo Viscardi,Chitarrista di origine cosentina, formatosi con i Maestri chitarrista Filippo Daccò, Franco Cerri, Bebo Ferra, Pietro Condorelli, Luciano Zadro, Gigi Cifarelli etc.Ha collaborato con musicisti di fama internazionale come Baba Sissoko, Ennio Morricone, Mariella Nava, Lighea, Gatto Pancieri etc. impegnato con il suo progetto di musica gypsy jazz nello stile di Django Reinhardt e come insegnante di Chitarra presso l’accademia musicale Groove Music Academy. Dal 2016 è Docente di Chitarra Jazz presso il Conservatorio di Musica “P.I.Tchaikovsky” di Nocera Terinese (cz). Paolo Viscardi verrà sostenuto da Francesco Greco alla Chitarra ritmica e Antonio Veltri al Contrabbasso.

Giovedì 29 novembre si esibirà il Duo denominato Two Colors Duets, Francesco Miniaci al Pianoforte e Flavio Nicotera al Sax che presenteranno il progetto denominato “Mysterious Monk”un omaggio al grande Theloious Monk. Nella rivisitazione del Pianista Francesco Miniaci e del Sassofonista Flavio Nicotera, Monk simboleggia tutta la storia del jazz, una musica sempre in equilibrio fra tradizione e futuro, rappresenta quello che significa oggi suonare jazz, ovvero, avere un piede nella tradizione e saper guardare lontano. E così il grande compositore e improvvisatore statunitense diventa per il Duo Miniaci/Nicotera il pretesto, il punto di partenza per esplorare il proprio mondo espressivo, lo specchio dove riflettere e ritrovare le radici dello stile e delle motivazioni interpretative.

La costante ricerca di Miniaci/Nicotera di un linguaggio personale all’interno della tradizione jazzistica, trova nel duo una chiara rappresentazione: un pensiero musicale libero da manierismi di sorta e costantemente alla ricerca di espressioni autentiche e profonde. Musica di una caparbietà gentile, scattante e raffinata, travolgente e coerente, allo stesso tempo: il duo, inoltre, richiama la passione del pianista per le combinazioni timbriche e per le possibili polifonie vicine al jazz dei primi anni del ‘900. Monk è in grado di attraversare pentagrammi e stili con una tecnica mirabile e una devozione pianistica da operaio e filosofo.

Gli appuntamenti proseguiranno Giovedì 13 dicembre con la formazione Never End Trio con Sonia Angelisi alla voce, Lorenzo Iorio alla chitarra e Fabio Fusilli alle percussioni. “Isso É Bossa Nova” un progetto che presenta un repertorio dai caratteri brasiliani della bossa nova, samba jazz e del reggae Giamaicano, con brani del repertorio classico oppure brani più moderni rivisitati. Il progetto nasce anni fa ed ha all'attivo numerosi concerti in Festivals e Jazz Club della regione.

Con il nuovo anno Giovedì 10 gennaio si aprirà con un progetto denominato “Swing Time” ideato e curato da Rino Napoli Jazz Three, Rino Napoli alla voce, Egidio Ventura al Pianoforte e Flavio Nicotera ai sassofoni. Rino Napoli, cantante Jazz calabrese la sua voce è grandemente influenzata da Frank Sinatra, Francis Poulenc, Tony Bennett. Per la sua eccezionale carriera dedicata al jazz vocale come performer, Rino Napoli è un’icona di dedizione al canto e alla musica, in grado di trasferire con passione la sua lunga esperienza a giovani musicisti e cantanti coinvolgendo il pubblico in gioiosa esperienza di cantare insieme durante i suoi concerti. Il Duo con Il Trio nasce da una vecchia amicizia che li accomuna la passione per lo Swing.

La prima parte della rassegna chiuderà Giovedì 24 gennaio 2019, con una Jam Sessions a cura del Dipartimento di Musica Jazz Conservatorio Tchaikovsky di Nocera Terinese. Il bellissimo locale è situato nel centro storico di Catanzaro in via Monte, 7/9. L’ingresso ai concerti è gratuito ma è gradita la prenotazione.

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco