Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Venerdì, 05 Ottobre 2018 09:21

Replica a Morra sui Dirigenti di Palazzo dei Bruzi

Rate this item
(1 Vote)

In relazione alla nota del Senatore Nicola Morra, inerente la esecuzione della Sentenza del Consiglio di Stato avente ad oggetto il concorso per dirigenti revocato nel 2011, si fa presente quanto segue. La delibera di giunta 150/2018 contempla i primi 9 dirigenti atteso che dalle vigenti capacità assunzionali, che si basano sui pensionamenti degli anni precedenti, tale è la quota raggiungibile nel triennio 2018-20.

Le ulteriori assunzioni di dirigenti, per il raggiungimento del numero di undici vincitori, saranno contemplate nel fabbisogno triennale dell’anno futuro che verterà anche sul 2021, nel quale saranno calcolabili anche i pensionamenti di alcuni dei dirigenti vincitori del concorso di cui trattasi. Naturalmente qualora nuove normative allargheranno le percentuali assunzionali (ad esempio il 150 % dei cessati dell’anno precedente) o vi dovessero essere cessazioni per altre cause, ad oggi non preventivabili, di dirigenti a tempo indeterminato in servizio, le assunzioni attualmente programmate nel triennio saranno anticipate.

In tal senso è bene precisare che il Fabbisogno triennale vincola per lo più sull’anno di sua approvazione, mentre per gli anni successivi può essere rimodulato. Pertanto, qualora le capacità assunzionali previste dalle future normative aumenteranno, di conseguenza il fabbisogno sarà rimodulato in termini di anticipazione delle assunzioni ad oggi programmate. Se, invece, tutto rimarrà come ad oggi vigente, gli ultimi due dirigenti vincitori saranno contemplati nel fabbisogno triennale degli anni venturi del quale fa parte anche il 2021.

Quanto argomentato non è una scelta, ma un obbligo derivante dalle normative vigenti sul pubblico impiego. Come noto, il Comune di Cosenza è ente sottoposto a piano di riequilibrio finanziario. Da ciò discende l’obbligo di preventiva autorizzazione da parte della Commissione Stabilità Enti Locali presso il Ministero degli Interni su determinati atti del Comune, tra i quali le nuove assunzioni di personale dirigente e non dirigente.

Atteso che l’attuale capacità assunzionale di dirigenti a tempo indeterminato per il 2018 è di nr. 3 unità, se il Comune avesse programmato l’assunzione degli undici dirigenti nell’anno 2018 questa sarebbe stata respinta dalla Commissione e si sarebbe persa la possibilità di assumere i 3 nel 2018, posto che la Commissione non corregge atti ritenuti non conformi alla normativa, ma - esclusivamente - approva o respinge.

Ritengo, inoltre, opportuno sgombrare il campo dalla erronea commistione tra dirigenti a tempo determinato assunti ex art. 110 T.U.E.L e dirigenti a tempo indeterminato. L’assunzione di quest’ultimi non dipende dalla assenza dei primi, ma dipende - unicamente ed è necessario ribadirlo - dalle capacità assunzionali dell’ente, per come sopra argomentato.

Ancora più opportuno è poi evidenziare che qualora si intenda - assurdamente - che la sentenza riporti indietro al 2011 la dimensione organizzativa dell’ente, il Comune avrebbe addirittura la possibilità di assumere ulteriori 4 dirigenti a tempo determinato ex art. 110 T.U.E.L per un totale di 10, posto che la pianta dirigenziale dell’epoca era di 30 unità e che l’art. 110 T.U.E.L. facultizza l’ente per il 30% di detta pianta.

Per ultimo: la graduatoria dei vincitori è in corso di approvazione, previa risoluzione di alcune complesse problematiche di possesso dei requisiti da parte di due degli undici in graduatoria che potrebbero essere esclusi a favore dei successivi, ma sicuramente prima dell’arrivo dell’autorizzazione ministeriale, atto prima del quale non può comunque procedersi alla assunzione.

Pertanto, certo di aver chiarito i termini della questione, si rassicura che anche gli ulteriori ed ultimi due dirigenti vincitori saranno assunti con le tempistiche previste dalla normativa vigente, o in anticipo qualora si verifichino condizioni normative che lo consentano.

Avv. Giovanni De Rose, Dirigente al Personale del Comune di Cosenza

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco