Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Domenica, 30 Settembre 2018 09:52

Il "Commissario" Claudio Andrea Gemme: Fincantieri potrebbe ricostruire il Ponte Morandi

Rate this item
(0 votes)
Claudio Andrea Gemme Claudio Andrea Gemme

"Le mie dimissioni" dal management di Fincantieri "sono già sul tavolo. Così quando arriverà la nomina saranno immediatamente esecutive". Lo ha detto Claudio Andrea Gemme, probabile futuro commissario per la ricostruzione, alla tv ligure Primocanale, rispondendo alla domanda se non temesse, in caso di nomina, un conflitto di interessi. "La prima cosa è fare una buona squadra - ha detto ancora -, un team di persone che andranno selezionate adeguatamente".

La scelta della squadra, ha detto ancora Gemme "spetterà al sottoscritto e alle componenti del governo. Poi bisognerà esaminare il progetto e vedere quale sarà dal punto di vista realizzativo la costruzione più opportuna e poi appianare le opere. Questa sarà la sequenza. Delicato è anche il tema della demolizione, ma non ho esaminato ancora questo dossier. Quel tema che andrà esaminato per capire come agire".

Fincantieri potrebbe ricostruire il Ponte Morandi - Fincantieri "ha delle competenze, capacità e grande valore storico. Penso che potrebbe sicuramente fare il lavoro, è chiaro che va tutto esaminato. Io sono abituato a esaminare un progetto e vedere se all'interno ci sono le competenze adeguate per effettuare un lavoro. Il tema vero è la valutazione del tipo di realizzazione che bisogna fare". Lo ha detto Claudio Andrea Gemme, probabile futuro commissario per la ricostruzione, all'emittente televisiva ligure Telenord rispondendo alla domande se fosse possibile che la ricostruzione ponte venga affidata a Fincantieri.

Toti, bene Gemme ma non avrà vita facile - La scelta di Claudio Andrea Gemme come commissario per la ricostruzione a Genova è "un segnale di attenzione verso la città" secondo il presidente della Liguria Giovanni Toti, convinto che chiunque assumerà quel ruolo "non avrà vita facile" a causa del decreto che "inibisce molti" dei percorsi per la ricostruzione che sarebbero più pratici. Toti lo ha detto ai microfoni di Sky a margine dell'evento 'L'Italia forte. Ricostruire il Paese, tornare a crescere' a Bergamo.

Chi è Claudio Gemme

Claudio Gemme ha 70 anni, è genovese ed è un manager di Fincantieri. È cresciuto proprio nella zona rossa sotto il ponte Morandi, dove i suoi genitori hanno ancora una casa in via Porro. I genitori di Gemme si sono trasferiti da qualche tempo in una casa di campagna in Piemonte. Gemme è laureato in Scienze Economiche e Politiche ed è un esperto di efficienza energetica. Nel 1973 ha iniziato a lavorare per Finmeccanica nell’ambito della Direzione approvvigionamenti, poi nella Gestione progetti di Ansaldo. Nel 1987 ha gestito il contenzioso tra industria e governo dopo la chiusura delle centrali nucleari in seguito al referendum e nel 2000 ha gestito la privatizzazione del ramo industrialedel gruppo Ansaldo.

Ha contribuito a risanare l’azienda americana High Voltage Engineering Corporation nel 2005. Attualmente è presidente di Fincantieri Sistemi Integrati. L’identikit del commissario era stato tracciato così ieri dal ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Abbiamo dato un consiglio, un nome, un cognome e un curriculum di altissima professionalità, genovese che ha girato il mondo, coinvolto direttamente, anche tramite la famiglia, nel disastro. Spero si chiuda oggi”. Il nome, proposto dalla Lega, è stato approvato dai Cinque Stelle ed è gradito anche al governatore della Liguria Giovanni Toti, che l’anno scorso avrebbe voluto Gemme come candidato sindaco del centrodestra a Genova.

“Ho dato la mia disponibilità a fare il Commissario, è una bella sfida per chiunque accetti questo incarico”, ha detto Gemme all’Ansa, precisando però di non aver ancora avuto alcuna comunicazione ufficiale sulla eventuale nomina. La nomina, che avverrà tramite un decreto del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, arriverà dopo l’entrata in vigore del decreto del governo su Genova, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il commissario, secondo il decreto, dovrà procedere in tempi rapidi alla ricostruzione delle infrastrutture danneggiate.

Dovrà occuparsi anche dell’attuazione delle misure necessarie per superare le conseguenze degli eventi dannosi. Gemme ricoprirà un ruolo fondamentale a Genova per un arco di tempo di almeno due anni e avrà poteri straordinari. Infatti, il decreto prevede infatti che possa agire in deroga a tutte le norme, escluse quelle penali. Sul nome di Claudio Gemme sono arrivate però le prime critiche da parte delle opposizioni, per il rischio di un possibile conflitto d’interessi.

Il deputato Pd Ubaldo Pagano ha scritto su Facebook: “Il commissario per la ricostruzione del Ponte di Genova, che avrà poteri decisionali e di deroga delle leggi sugli appalti come mai nessun altro commissario ha avuto negli ultimi anni, è un dirigente di Fincantieri. La stessa azienda cui Di Maio vorrebbe far ricostruire il Ponte sebbene non abbia le autorizzazioni previste per un’opera del genere e si occupi di cantieristica navale”. “Il profilo professionale di Gemme non è in discussione, ma i rischi di conflitto di interessi - rincara Pagano - sono evidenti. Il Ponte va ricostruito presto e bene, ma soprattutto nel rispetto delle regole”.

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Archivio Articoli