Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Sabato, 04 Agosto 2018 10:26

Neonato trovato morto a Terni, fermata la madre

Rate this item
(0 votes)

Sono bastate meno di 24 ore alla polizia per identificare la presunta responsabile dell'abbandono del neonato trovato morto nel parcheggio di un supermercato di Terni: in stato di fermo, con l'accusa di infanticidio in condizioni di abbandono materiale e morale, è finita la madre del piccolo, una ventisettenne del posto, incensurata e senza lavoro. Durante il lungo interrogatorio di ieri pomeriggio, davanti al sostituto procuratore Barbara Mazzullo, avrebbe ammesso le proprie responsabilità, spiegando di aver agito per questioni economiche in quanto, già mamma di una bimba di due anni, non sarebbe stata in grado di mantenere un secondo figlio insieme al suo compagno.

La ventisettenne - assistita dall'avvocato Alessio Pressi - avrebbe partorito da sola, nel bagno della sua abitazione e sempre da sola avrebbe tagliato, nel bidet, il cordone ombelicale. Due ore più tardi- sempre stando al suo racconto, di cui alcune parti sono ancora da chiarire - si sarebbe poi recata insieme al compagno al supermercato per fare spesa e in quell'occasione avrebbe abbandonato il bimbo, ancora vivo, dentro una busta lasciata nell'aiuola che costeggia il parcheggio.

Nei confronti dell'uomo - che sarebbe stato anche all'oscuro della gravidanza, così come la famiglia della giovane - non sarebbero stati presi al momento provvedimenti, ma sono in corso ulteriori accertamenti da parte degli investigatori per capire il suo ruolo. Ulteriori elementi si attendono anche dall'autopsia sul corpicino del piccolo, che si terrà oggi presso l'Istituto di Medicina legale del Santa Maria di Terni.

Intanto la capo ostetrica dell'ospedale di Terni, Maria Antonietta Bianco, ricorda che "la legge italiana garantisce il diritto della donna di partorire in anonimato, consentendo alla madre di non riconoscere il bambino e di lasciarlo nell'ospedale dove è venuto alla luce affinché sia assicurata l'assistenza e la tutela giuridica sia della madre sia del bambino".

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco