Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Domenica, 22 Luglio 2018 08:44

Schiavonea, spiaggia negata ai diversamente abili. L’appello di Gencarelli: “A Trebisacce i servizi, qui nessuno”

Rate this item
(0 votes)

“Tre “Sedie JoB”. Un prezioso strumento che, da qualche giorno, è in dotazione sulle spiagge della città di Trebisacce. Un prodotto specifico per la balneazione di persone con disabilità, il quale, abbinato con le passerelle in legno già poste, risolve il problema dell’accesso alla battigia e della permanenza in mare grazie alle capacità di galleggiamento del mezzo. Novità molto utili per quanti, diversamente abili e rispettivi familiari, hanno il sacrosanto diritto di recarsi al mare e godersi qualche giorno di vacanza.

Tutto questo accade a Trebisacce, centro dell’Alto Jonio non distante da Corigliano Rossano, comune più grande della provincia di Cosenza. Una realtà municipale che, tuttavia, non offre tale concreta possibilità, anche per coloro che vivono un deficit motorio, di vivere la gioia di un bagno nelle acque del mare di Schiavonea”. È quanto scrive, in una nota, il giornalista Fabio Pistoia.

Una problematica legittimamente evidenziata da un concittadino, Gennaro Gencarelli della frazione Cantinella di Corigliano, il quale rivolge un appello alle preposte autorità per ovviare alla stessa. “Mi sono recato sulla spiaggia di Trebisacce e ho avuto modo di constatare, insieme alla mia signora, l’importante ed efficace servizio garantito dal Comune e dalla Guardia Costiera; rivolgo pertanto un plauso alle istituzioni di Trebisacce - dichiara Gencarelli - perché, così facendo, garantiscono a tutte le persone diversamente abili, ad iniziare dai bambini, il diritto di andare al mare."

"La domanda sorge dunque spontanea: perché tutto questo non è possibile nella nostra Schiavonea, in questo periodo e nel successivo mese di agosto frequentata da migliaia di persone, alcune delle quali con problemi di disabilità? È necessario creare anche qui le condizioni per una spiaggia attrezzata che realizzi il principio dell’abbattimento delle barriere architettoniche per i diversamente abili, segno della costante crescita di una realtà che guarda con attenzione alle necessità dell’intera comunità e si pone come eccellenza nell’ambito dei servizi offerti gratuitamente ai concittadini e ai turisti. Inoltre, si rende opportuna l’attivazione di un servizio navetta per il mare nonché per la riabilitazione quotidiana che si svolge a Rossano”.

Un appello condiviso e fatto nostro, con l’auspicio che venga recepito da chi di competenza e al più presto.

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« August 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco