Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mercoledì, 11 Luglio 2018 11:19

Nel Pd cresce il fronte dei dialogante con M5S

Rate this item
(0 votes)
Graziano Delrio Graziano Delrio

Il Decreto Dignità è il primo banco di prova parlamentare per il Governo, ma anche per l'opposizione. In particolare per il Pd, all'interno del quale, come ormai da tradizione, emergono sensibilità diverse. Da Franceschini a Orlando, da Emiliano a Delrio, cresce il fronte dei dialoganti, di chi vuole cominciare a costruire un dialogo politico per il Movimento 5 Stelle sui provvedimenti. Il fronte renziano e il segretario Maurizio Martina escludono però l'ipotesi: "Non penso che il decreto dignità sia votabile per i contenuti annunciati. Non affronta i veri nodi ancora aperti in particolare per sostenere sul serio il lavoro stabile".

Diventa particolarmente rilevante quindi la presa di posizione di Graziano Delrio, esponente della corrente di maggioranza nel partito. "Io penso che noi dobbiamo dialogare certamente con i 5 Stelle, perché questo dialogo è utile al Paese. Con la Lega non ci sono le condizioni per un dialogo vero, sui provvedimenti. Con i 5 Stelle ci potrebbero essere. Ma dipende molto se loro non si schiacciano sulla Lega. Perché questo è il punto. Questo governo ormai ha un'agenda dettata continuamente dalle esternazioni, dalle promesse di Salvini" afferma il capogruppo alla Camera del Partito democratico ad Agorà Estate RaiTre.

La prima avvisaglia nel mondo della sinistra era arrivata con l'intervista di Susanna Camusso al Corriere della Sera. Un'apertura di dialogo ai 5 Stelle era arrivata sull'Huffpost da Massimo D'Alema. Nel Pd la situazione è più complessa perché i motivi di scontro con M5S sono all'ordine del giorno, ultima la definizione delle presidenze delle commissioni bilaterali di pertinenza dell'opposizione. Si è però mosso nei giorni scorsi Dario Franceschini per dire che "abbiamo il dovere di dialogare con l'elettorato dei 5 Stelle".

Andrea Orlando ritiene che il Pd debba appoggiare la stretta sui contratti a termine e la parte sulle causali prevista dal Decreto Dignità. "Noi - spiega - dobbiamo fare da sponda ai grillini quando fanno cose di sinistra, perché dobbiamo puntare a staccarli dalla Lega. E questo decreto incide negativamente sulla base sociale del Carroccio, perciò perché dovremmo cavargli le castagne dal fuoco dicendogli solo dei no?".

Anche nell'area che fa capo a Michele Emiliano si sono registrati nel tempo diversi segnali di apertura verso i 5 Stelle. "Ci sono parti di questo decreto che non si possono non votare" dice Francesco Boccia.

Che i renziani siano contrari al dialogo lo chiarisce il presidente dei senatori Andrea Marcucci: "E' un decreto fantasma, pieno di ipotesi nefaste per il lavoro. Il Pd farà un'opposizione nettissima al decreto dignità. Nelle bozze che sono circolate, non esistono incentivi per i contratti stabili ed il rischio di lavoro nero aumenterebbe a dismisura. Ipotizzare un occhio di riguardo del Pd è fuori dal mondo".

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« September 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco