Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Sabato, 09 Giugno 2018 10:45

Il sindaco e il presidente del Consiglio comunale di Mendicino regalano la Costituzione ai neo maggiorenni

Rate this item
(0 votes)

Non è stato solo un incontro, ma è stata la “promessa” di fedeltà alla nostra carta costituzionale. Un capolavoro che rende migliori e fa crescere responsabili. Responsabili, perché di questo ha bisogno la politica, ha bisogno la società, ha bisogno la democrazia. Perché, la responsabilità, non è solo un valore. E’ un modo di essere, è il modo migliore per disegnare nuovi domani. E questo il sindaco e il presidente del Consiglio comunale di Mendicino lo sanno bene. Ed è anche per questo che, nel corso di una cerimonia pubblica, hanno regalato la Costituzione ai neo maggiorenni.

Non è stato solo un incontro, ma è stata la “promessa” di fedeltà alla nostra carta costituzionale. L’Amministrazione comunale di Mendicino, infatti, ha rinnovato, per la quarta volta, l’occasione di incontro e festeggiamento con i ragazzi che nel 2018 raggiungono l’importante traguardo della maggiore età. Ieri pomeriggio alle 18,30 nella sala consiliare “Falcone e Borsellino” si è tenuta la cerimonia di consegna della Costituzione della Repubblica Italiana alla presenza del sindaco Antonio Palermo, del presidente del Consiglio comunale Nathalie Crea e delle autorità. Ad introdurre i lavori il giornalista Edoardo Maruca.

“Si tratta di un gesto semplice, ma dall’alto valore simbolico - ha commentato il sindaco Antonio Palermo. Compito di ogni generazione ed in particolare delle Istituzioni è favorire lo sviluppo e la crescita del senso civico e morale in voi giovani. La nostra Carta, che contiene le linee guida dell’ordinamento della Repubblica, è forse l’unico simbolo che supera ogni schieramento politico e ogni ideale, incarnando il vero senso di una civiltà e di un’intera comunità”.

“Rileggere la Carta costituzionale, soprattutto gli articoli che enunciano i principi fondamentali su cui è nata e vive la nostra democrazia, è un atto di responsabilità che riguarda ciascuno di noi: privati cittadini e rappresentanti istituzionali impegnati nella costruzione di una società in cui ci sia spazio per tutti – commenta Donatella Loprieno, costituzionalista. La Costituzione sia sempre riferimento culturale e politico, perché la storia recente ci insegna che ogni volta in cui ci distacchiamo dal patrimonio valoriale che essa ci offre rischiamo di danneggiare il nostro paese indebolendo i cittadini in termini di tutele e diritti”.

Abbiamo deciso come amministrazione di regalare ai neo diciottenni la Costituzione - chiosa Nathalie Crea, presidente del consiglio comunale - perché riteniamo che sia un modo semplice per far avvicinare i giovani alla vita sociale, politica e civile del nostro paese, avvertendo questo momento quasi come una necessità utile a tramandare, di generazione in generazione, l’enorme patrimonio giuridico e culturale che sono riusciti a sintetizzare, settant’anni fa, i padri costituenti”.

Conoscere la Costituzione è un po’ come avere una mappa delle strade da scegliere, come una bussola per decidere dove andare o come leggere un racconto in cui le strade di ciascuno viaggiano a fianco di quelle degli altri. Strade che puntano tutte alla stessa meta, il bene comune.

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco