Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Giovedì, 21 Dicembre 2017 09:09

Su Rende arriva un finanziamento dalla regione Calabria di 765mila euro per una nuova scuola in contrada Linze

Rate this item
(0 votes)
Marcello Manna Marcello Manna

L’edilizia scolastica su Rende con l’amministrazione Manna sta vivendo il periodo di massimo splendore. E se per la prima decade di gennaio sono previste le innaugurazioni di scuole con lavori terminati, come quelle di S.Agostino, Surdo e S.Stefano. Con I lavori di miglioramento tecnologico e efficentamento energetico ormai giunti alla sua fase conclusiva, questa mattina ,sempre per quanto riguarda l’edilizia scolastica, è arrivata un’altra grande bella notizia per il sindaco di Rende Marcello Manna e l’assessore ai lavori Pubblici Pino Munno.

Ecco il finanziamento ad un progetto preliminare approvato nella delibera di giunta del 27 marzo 2015 e riguarda la costruzione di una nuova scuola alle spalle di quella di Linze. Il finaziamento approvato dalla Regione Calabria è di 765mila euro. La nuova scuola di c.da Linze prevede sei aule da 26 posti (tot. 6x26= 156 alunni), atrio centrale comune, ufficio direzione, locale docenti e servizi annessi, locale deposito e relativi servizi igienici.

L’area è adiacente alla scuola esistente di Linze ed il terreno (zona urbanistica F1) è idoneo all’esproprio per pubblica utilità per la realizzazione di interventi di urbanizzazione secondaria, come una scuola). Il computo di massima è stato calcolato prevedendo prezzi unitari per la realizzazione di tipologie similari d’intervento:

  • per strutture semplici e dotate dell’impiantistica necessaria per un normale uso degli ambienti (imp. elettrico, fognario, adduzione/scarico acque b/n, riscaldamento, illuminazione, telefono);
  • sono esclusi nel computo di massima elementi d’impiantistica specifica quali sistemi energie alternative, climatizzazione ambienti, imp. allarme, etc., da computarsi a parte secondo le peculiari specifiche.
  • Il progetto prevede un’area esterna attrezzata in cui inserire i parcheggi, le aree pedonali ed il verde attrezzato;
  • l’edificio prevede un atrio centrale con ingresso dal lato nord-ovest, distributivo per ogni attività;
  • il corpo laterale contiene quasi tutte le aule; un aula, deposito ed i servizi dedicati alle attività scolastiche sono posti sul lato sud-est.
  • Le aule sono disposte ottimizzando il rapporto aero-illuminante necessario per garantire idonee condizioni termo-igrometriche, di illuminazione naturale e qualità dell’aria.
  • La struttura è prevista in cemento armato, con tamponature in laterizio.
  • La copertura del tetto, anch’essa prevista in cemento armato, è idoneamente disposta - nella parte soprastante le aule - per accogliere sistemi fotovoltaici di produzione d’energia alternativa.

 

 

Share/Save/Bookmark
« January 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli