Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mercoledì, 16 Maggio 2018 09:30

A Cosenza il primo parto gemellare al Mondo di paziente affetta da Talassemia

Rate this item
(0 votes)

"Venerdi, 11 maggio 2018, l'Ospedale dell'Annunziata di Cosenza è stato teatro di un evento inimmaginabile, unico caso conosciuto al mondo di gravidanza gemellare monozigote in una paziente affetta da Talassemia". Lo rende noto l'Azienda Ospedaliera di Cosenza: "L'evento è stato possibile grazie alla virtuosa attività di equipe, svolta durante la gravidanza e al momento del parto."

"Infatti, hanno lavorato insieme, dalla quarta settimana di gravidanza in poi - si legge ancora nella nota - l'Unità Operativa Complessa (UOC) di Ostetricia e Ginecologia diretta dal Prof. Michele Morelli, l'UOC di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale diretta dal Prof. Francesco Zinno, l'UOC Chirurgia "Falcone" diretta dal Dott. Antonio Perri, l'UOC di Neonatologia diretta dal Dott. Gianfranco Scarpelli e l'Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Anestesia Area Materno-Infantile diretta dal Dott. Pino Pasqua".

"La paziente, di 35 anni, affetta da Talassemia, con un gruppo sanguigno raro e mai trasfusa in precedenza, ha presentato una gravidanza gemellare "monocoriale biamniotica" (i feti condividevano una sola placenta e avevano due sacchi amniotici distinti), - continua il comunicato - che già nella popolazione normale ha un'incidenza di una ogni 400 gravidanze, con un forte rischio di sviluppo di complicanze, legate alla presenza di una sola placenta per i due feti, mentre nelle donne affette da Talassemia non sono note, nella letteratura scientifica, casistiche in merito".

"La paziente presentava un'anemia grave, con valori di emoglobina che rendevano difficilissima la prosecuzione della gravidanza e mettevano anche a rischio la sua stessa vita. Inoltre, alla ventiquattresima settimana di gestazione, la donna ha sviluppato la più temuta delle complicanze: la "trasfusione feto-fetale", cioè il passaggio, attraverso l'unica placenta, del sangue di un bambino verso l'altro. Dopo la nascita mediante parto cesareo i due gemellini, nati con un peso di 1,4 Kg e di 1,2 Kg, sono stati immediatamente trasferiti nel Reparto di Terapia Intensiva Neonatale, per stabilizzare le loro condizioni cliniche."

Alla mamma è stata asportata la milza, eccezionalmente ingrossata.

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

La Calabria vista da... Mario Greco

« May 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Archivio Articoli