Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Lunedì, 14 Maggio 2018 18:45

Roberta Ragusa: in appello confermati 20 anni a Logli

Rate this item
(0 votes)
Antonio Logli Antonio Logli

Confermata in appello a Firenze la condanna a 20 anni di reclusione per Antonio Logli, accusato dell'omicidio e della distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa, scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012 dalla sua casa di Gello, nel comune di San Giuliano Terme, e mai più ritrovata. Logli era stato già condannato a 20 anni di carcere in primo grado e l'accusa ha chiesto proprio la conferma della medesima pena inflitta nel dicembre del 2016 per le accuse di omicidio e distruzione di cadavere, oltre all’arresto.

Se infatti nel primo grado i giudici avevano previsto nel loro verdetto solo il non allontanamento da casa nelle ore serali ed al di fuori dei comuni di Pisa e San Giuliano Terme, questa volta c'è in ballo anche la sua libertà personale. La difesa dell'imputato anche oggi ha chiesto la sua assoluzione come ribadito dall'avvocato Severino Sergiampietri, "perché l'imputato non ha commesso il fatto, i testimoni dell'accusa sono poco attendibili".

A sostegno dell'innocenza di Antonio Logli, nella precedente udienza del processo a carico dell'uomo, accusato dell'omicidio della moglie Roberta Ragusa, è stata presentata anche una memoria del figlio Daniele, oggi anche lui presente in aula insieme al padre. Nel medesimo palazzo di Giustizia attendono con ansia il verdetto anche le cugine della vittima, sempre in prima linea in tutti questi aggi di battaglia giudiziaria.

Commentando la posizione del figlio di Roberta, una delle cugine, Maria, ha commentato come riporta Repubblica: "Daniele non crede che il padre sia colpevole e che la mamma sia andata via". La donna avrebbe quindi smentito la posizione del ragazzo aggiungendo: "Bisognava ricercare la verità insieme e lui sa come io la pensi su questa faccenda. La vittima è Roberta, non lo dimentichiamo. C'è chi pensa ancora che si sia allontanata [...] Daniele avrebbe dovuto costituirsi parte civile".

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

La Calabria vista da... Mario Greco

« May 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Archivio Articoli