Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Lunedì, 14 Maggio 2018 09:05

Mendicino: Il comune è prossimo al Default Finanziario?!

Rate this item
(0 votes)

Riceviamo dal Presidente dei “Cittadini per Mendicino”, Franco Gemoli e volentieri pubblichiamo. "Il Movimento politico “Cittadini per Mendicino” intende informare la cittadinanza circa la situazione finanziaria dell’ENTE che risulta strutturalmente deficitaria, essendo pertanto il comune prossimo al fallimento. Lo si evince dall’analisi approfondita della Deliberazione n° 103/2016 della Corte dei Conti, depositata in Segreteria il 22 novembre 2016 - Sezione regionale di controllo della Calabria, e pervenuta in Comune nei primi giorni del 2017."

"La Deliberazione in sostanza certifica che il comune di Mendicino si trova in una situazione di sofferenza finanziaria in quanto Ente strutturalmente deficitario, sin dal 2014. Gli incrementi costanti della spesa e l’insufficienza degli incassi correnti a compensare i pagamenti delle spese correnti, gravano negativamente sugli equilibri di Bilancio. In pratica aumentano le spese e gli incassi sono insufficienti a coprirle. Il risultato delle attività di recupero dell’evasione (accertamento tributario) è del tutto mediocre, basti pensare che nel corso del 2014 sono stati emessi accertamenti ICI per € 376.000,00 a fronte dei quali sono stati riscossi solo 12.000, 00 euro circa, mentre per la TARSU sono stati emessi accertamenti per € 90.000,00 non incassati. La percentuale di riscossione delle maggiori somme accertate nel corso del 2014 è pari al 2,57%."

"Idem per la riscossione dei proventi del Servizio idrico integrato che si attesta su percentuali modestissime, per cui la capacità di riscossione dell’Ente risulta inadeguata e registra lievi miglioramenti, secondo la citata deliberazione della Corte dei Conti, nel corso del 2015. La Corte dei Conti Calabria certifica che “nessun risultato è stato concretamente prodotto dai provvedimenti che erano stati adottati al fine di sanare la situazione di criticità della cassa,vale a dire le direttive impartite al fine di adottare una diversa ed innovativa modalità di riscossione coattiva ed il potenziamento della dotazione organica dell’Ufficio Tributi”. Nessun risultato concreto è stato conseguito, a parere dei Giudici Contabili, relativamente all’attuazione delle misure di risanamento programmate."

"La situazione è aggravata dal ricorso ricorrente alle anticipazioni di Tesoreria nella misura massima concedibile e dall’Entità dei debiti maturati nei confronti della Regione Calabria per il servizio di conferimento rifiuti relativamente all’annualità 2015 (€ 665.048,12). In sostanza la Sezione regionale di controllo della Calabria della Corte dei Conti in data 25 Ottobre 2016 certifica che “permane una grave criticità nella riscossione dei tributi e nella gestione di cassa” accertando pertanto gravi irregolarità e criticità e rinviando a successiva deliberazione per la verifica della sussistenza delle condizioni per la dichiarazione del DISSESTO FINANZIARIO."

"Questa è la situazione a fine 2016, ma è sotto gli occhi di tutti che da allora la situazione è certamente peggiorata. Basti pensare che il debito maturato e non saldato nei confronti della SORICAL, la Società che gestisce le risorse idriche calabresi, ammonta ad oggi a circa 848.000,00 euro. Nulla è stato fatto in questi anni di amministrazione PALERMO per razionalizzare e ridurre le spese, nulla è la lotta all’evasione, non vi è stata nessuna seria programmazione volta a ridurre l’indebitamento che invece è costantemente cresciuto."

"Il Movimento politico “Cittadini per Mendicino” nell’interesse della popolazione tutta che certamente ha davanti a se anni di tariffe tributarie ai livelli massimi consentiti per il risanamento di un Ente in totale dissesto finanziario, chiede l’intervento degli organi preposti e in primo luogo di Sua Eccellenza il Prefetto affinché si interrompa drasticamente la gestione dissennata e incompetente dell’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Palermo."

"Si faccia chiarezza sulle motivazioni alla base della scarsa capacità di riscossione dei tributi comunali, sui debiti fuori bilancio in costante crescita, si faccia chiarezza sulla gestione dissennata delle scarse risorse finanziarie disponibili. Si renda edotta la cittadinanza sui risultati conseguiti dalla Società affidataria del servizio di accertamento e riscossione dei tributi comunali nei primi sei mesi di attività."

"Al Sindaco Palermo e alla Giunta Comunale chiediamo le dimissioni immediate per consentire ad un Commissario la gestione amministrativa dell’Ente fino a nuove elezioni, per consentire l’avvio di una seria e concreta azione di risanamento delle finanze comunali volta alla eliminazione degli sprechi e degli squilibri. L’auspicio è che per Mendicino si chiuda definitivamente il periodo buio dell’amministrazione Palermo per avviare un periodo di risanamento e trasparenza. Noi ci saremo in prima persona."

 

 



Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

La Calabria vista da... Mario Greco

« May 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Archivio Articoli