Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Tutto come previsto. Per come avevamo già scritto è arrivato nelle redazione giornalistiche un terzo elenco di firme di sindaci che chiedono al Governatore Oliverio di ricandidarsi a Governatore. Si è giunti ora a ben 230 firme. Questo fiume di firma dimostra chiaramente, se ce ne fosse bisogno, come oramai chi è chiamato ad amministrare i comuni calabresi sia oramai lontanissimo della realtà.

Osservare un numero così alto di firme di primi cittadini per una riproposizione della candidatura dell'attuale Governatore che, in realtà, è stato ed è il peggiore Governatore della storia del regionalismo calabrese e che per i calabresi ha rappresentato una cocente delusione dimostra chiaramente come i sindaci siano lontani dal loro popolo e dimostra anche come la lezione delle elezioni del passato 4 marzo dove il partito del Governatore Oliverio ha ottenuto un risultato miserevole non ha insegnato nulla.

Se ne accorgeranno fra un anno i sindaci che hanno firmato questo appello di come abbiano sbagliato previsioni politiche. Del resto anche un Sindaco che in cuor suo pensa che Oliverio abbia poche possibilità di vincere non può non firmare un appello che gli viene proposto dal Governatore attuale considerando come i comuni siano bisognosi dell'aiuto della Regione.

Una squallida storia politica degna della Prima Repubblica dalla quale il Governatore Oliverio proviene essendo sulla scena politica da sempre, fin da quando venne eletto alla Regione Calabria a soli 27 anni nel 1980 nella lista del vecchio Pci. Partito che a San Giovanni in Fiore, la Stalingrado della Calabria, prendeva valanghe di voti ed eleggeva chiunque si candidasse sotto l'insegna della Falce e Martello.

Pubblichiamo, quindi, il terzo elenco di Sindaci, certi che ne seguirà un quarto, essendo i sindaci in Calabria circa 390 (Considerando alcune fusioni di comuni ed alcuni comuni commissariati). Ne mancano ancora 160 per raggiungere il 100% dei sindaci Pro - Oliverio. Certamente non si potrà raggiungere tale risultato di maggioranza bulgara che piacerebbe molto ad un ex comunista e post - comunista come Mario Oliverio ma abbiamo qualche dubbio che almeno i sindaci di Cosenza, Mario Occhiuto, e di Catanzaro, Sergio Abramo, si accoderanno a tali elenchi. Sui rimanenti è tutto possibile. Povera Calabria...

Elenco n. 3

Agnana Calabra (Furfaro Caterina); Alessandria del Carretto (Gaudio Vincenzo); Bocchigliero (Santoro Giuseppe); Calanna (Romeo Domenico); Campana (Chiarello Agostino); Castroregio (Adduci Alessandro); Cerisano (Di Gioia Lucio); Cortale (Scalfaro Francesco); Diamante (Sollazzo Gaetano); Feroleto della Chiesa (Papa Francesco); Fiumara (Pensabene Vincenzo); Gasperina (Gallello Gregorio); Grimaldi (Ferraro Carlo); Grisolia (Longo Antonio); Isca sullo Ionio (Mirarchi Vincenzo); Jacurso (Serratore Ferdinando); Longobardi (Mannarino Giacinto); Marano Principato (Pulice Luigi); Marcedusa (Garofalo Luigi); Maropati (Silvestro Fiorenzo); Martirano (Bartolotta Francesco); Martirano Lombardo (Pucci Franco); Nardodipace (De Masi Antonio); Nocara (Trebisacce Francesco); Rovito (D’Alessandro Felice); San Benedetto Ullano (Capparelli Rosaria Amalia); Serra D’Aiello (Caruso Giovanna); Serrastretta (Molinaro Felice); Torre di Ruggero (Barbieri Mario).


Redazione

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco